Categorie
Video Società

#OpParis: Anonymous pronto a combattere l’Isis sul Web

Gli attivisti di Anonymous sono pronti a dare il loro contributo nel rintracciare i responsabili degli attacchi terroristici di Parigi. In un video-messaggio diffuso sul web il gruppo hacker esprime cordoglio per le vittime degli attentati nella capitale francese e lancia #OpParis, l'”Operazione Parigi“.

Categorie
Video Wall

Anonymous e l’attacco agli account Facebook e Twitter dei jihadisti dell’Isis

Anonymous ha oscurato centinaia di account Twitter e Facebook di presunti appartenenti all’Isis e pubblicato indirizzi ip e web della galassia jihadista. “Sarete trattati come un virus, e noi siamo la cura”.

Categorie
Video Crazy

Hacker esperti guidano auto con joypad Nintendo

Charlie Miller e Chris Valasek sono due hacker americani esperti di sicurezza informatica presso la società IOActive Labs Research. I due sono riusciti a guidare un’auto con un vecchio joypad per Nintendo 8-bit. Sono riusciti così a dimostrare che potenzialmente il controllo della vettura potrebbe essere garantito anche quando al volante c’è un’altra persona.

Categorie
Video Crazy Video TV

Invasione degli zombie in Canada annunciata in diretta-tv

La normale programmazione di un’emittente televisiva canadese è stata interrotta da un annuncio in diretta che annunciava la fine del mondo dovuta ad un’invasione di zombie. I dirigenti della Montana Television hanno dichiarato che è stata colpa di alcuni hacker, che si sono introdotti nelle loro frequenze e hanno diffuso un messaggio in cui informavano che “Molti morti stanno uscendo dalle loro tombe in diverse contee del Montana per attaccare i viventi“.

Categorie
Video Società

Comunicato ufficiale hacker Anonymous contro la chiusura di Megaupload e Megavideo

Il comunicato ufficiale che Anonymous ha diffuso in Rete e che fa riferimento alla chiusura dei siti di file sharing Megavideo e Megaupload, che ha portato anche all’arresto del fondatore Kim Schmitz. Gli hacker di Anonymous come reazione hanno oscurato i siti del Dipartimento della Giustizia Usa, dell’Fbi, della Universal e di Mpaa e Riaa, rispettivamente produttori cinematografici e discografici americani, principali imputati per la chiusura di questi 2 portali web.

Categorie
Video Crazy

iPhone hackerato e trasmette immagini in tutte le tv di New York?

Questo ragazzo ha affermato di aver hackerato il proprio Apple iPhone e ciò gli permette di trasmettere qualsiasi filmato video abbia in esecuziuone sul cellulare, direttamente sullo schermo al quale si avvicina. Decide di provare la sua pseudo-invenzione su alcuni schermi situati nella centralissima Time Square a New York (Stati Uniti)… Vabbè che si può fare tutto con il melafonino ma questa sembra essere una bufala bella e buona… complimenti comunque per l’inventiva.

Categorie
Video TV

Hacker mostra come rubare la password delle mail Alice e Tin.it a “Le Iene Show”

Violare una mail è semplice e, ieri, un hacker ha voluto darne dimostrazione alle Iene Show. Sono bastati solo alcuni minuti all’hacker per forzare i sistemi di sicurezza ed entrare nella casella di posta della iena Giulio Golia La iena non si è lasciata pregare ma prima ci ha tenuto ad oscurare il nome dell’azienda che gestiva l’indirizzo mail violato per evitare che altre persone diventassero vittime dello stesso sistema. Il video della spiegazione è stato esauriente e chiaro, tanto che Golia ha dovuto interromperlo quando mancavano solo due passaggi per riuscire nella violazione. Per la cronaca le mail violate sono Alice e Tin.it.

Categorie
Video Scoop

Hacker installa Android sull’Apple iPhone

Un hacker è riuscito a far girare il sistema operativo Android su un iPhone al posto del sistema operativo di casa Apple e ha fatto in modo che all’avvio ci sia un dual-boot tra iPhone Os e Android. Nella prima parte del video si vede il classico sistema operativo e dopo il re-boot si vede l’avvio completo del rivale Android.

Categorie
Video Cronaca Video Hot

Film porno sul maxi-schermo in centro città: traffico in tilt

Da non crederci. Traffico in tilt a Mosca (Russia), per colpa di un enorme monitor in pieno centro che ha trasmesso per un minuto un film per adulti e tutti si sono fermati a guardarlo. Lo schermo, nove metri per sei è gestito dalla società di comunicazione pubblicitaria 3Star che ha dichiarato che la trasmissione del video porno è stata opera di un hacker.